domenica 17 settembre 2017

La pinacoteca “il Divisionismo” di Tortona al workshop di Shanghai



Nel panorama italiano dei musei, storicamente molto prudente verso il mercato cinese, si tratta di una novità di tutto rispetto. Un museo, non di grande dimensione, che dopo alcuni test sui visitatori cinesi, coglie una opportunità offerta dall’ATL di Alessandria-Monferrato (Alexala), che da anni si muove con dinamismo sul mercato cinese, e decide di misurasi con il mercato turistico più grande del mondo.
La scelta della Pinacoteca di Tortona è stata stimolata anche dallo sviluppo del turismo culturale cinese.
Una scelta da pionieri, perché al momento le destinazioni che hanno saputo cogliere di più questo trend, sono state Gran Bretagna, Usa e Francia.
Nel Regno Unito si registrano incrementi a due cifre nelle visite dei turisti cinesi in alcuni musei. I musei reali di Greenwich nel 2016 hanno avuto un incremento del 74% sull’anno precedente, e tra i motivi che hanno portato a questo risultato c’è stata la presenza diretta a diverse iniziative BtoB a Shanghai.
Per cogliere questo trend, in Gran Bretagna è stato da poco lanciato un programma di visita dei luoghi amati dal poeta cinese Xu Zhimo.
In Francia si stima che i visitatori cinesi del Louvre abbiano raggiunto nel 2015 la cifra record di 800 mila ingressi. Si consideri che sono una quindicina i musei di Parigi attivi su uno dei Social cinesi più importanti come Weibo.
Anche in Italia diversi musei segnalano un crescente interesse dei cinesi: dal Peggy Gugghenheim di Venezia al museo del Duomo di Firenze. Quest’ultimo registra oltre 215 mila ingressi cinesi; l’incremento degli ultimi 5 anni sarebbe pari al 300%, un incremento superiore addirittura a quello registrato dal MoMa di New York che negli ultimi 5 anni ha visto crescere gli ingressi cinesi del 200%. Percentuali di incremento del 20% sui turisti cinesi sono state registrate nel 2016 anche al Maxxi di Roma e al Museo Ferrari.

Quanto alle motivazioni che spingono i nuovi turisti cinesi alla visita ai musei, riporto una breve dichiarazione di Will Wang, che si è occupato di viaggi per Esquire China: “visitare un museo è come avere una conversazione con una persona interessante”.

Giancarlo Dall’Ara

Pinacoteca “il Divisionismo”, Tortona
 “il Divisionismo” è uno spazio museale che documenta una stagione straordinaria dell’arte italiana tra Ottocento e Novecento.
A capolavori, quali Il Ponte e Fiore reciso di Giuseppe Pellizza, Piazza Caricamento, Il golfo di Genova, Lo sciopero, Mattino in officina e Ulivi ad Albaro di Plinio Nomellini, Mi ricordo quand’ero fanciulla (Entremets) e Incensum Domino! di Angelo Morbelli, Il seminatore e Ultimi pascoli di Carlo Fornara, La venditrice di frutta di Emilio Longoni, La raccolta del fieno di Giovanni Segantini, La via del Calvario e Adorazione dei magi di Gaetano Previati, Quando gli uccelletti vanno a dormire di Vittore Grubicy, si legano e si confrontano importanti opere di notevole originalità di Benvenuto Benvenuti, Flavio Bertelli, Galileo Chini, Giuseppe Cominetti, Giovanni Battista Crema, Carlo Cressini, Camillo Innocenti, Giorgio Kienerk, Llewelyn Lloyd, Baldassarre Longoni, Guglielmo Amedeo Lori, Serafino Macchiati, Cesare Maggi, Giuseppe Mentessi, Rubaldo Merello, Filiberto Minozzi, Arturo Noci, Matteo Olivero, Attilio Pusterla, Aleardo Terzi, Angelo Torchi.



lunedì 11 settembre 2017

Chinese Friendly Italy alla Fiera di Tongxiang


Chinese Friendly Italy sarà presente alla International Economic and Trade Fair 
in programma a Tongxiang 24-26 settembre 2017. La delegazione sarà guidata da Roberto Micchetti di Holly Tour e vedrà la presenza, tra gli altri, del Comune di Fasano e del Consorzio Terrantica.
Tongxiang è una città con oltre 1 milione di abitanti che si trova a 110 km da Shanghai, vanta importanti attrazioni turistiche come Wuzhen, città d’acqua, o Chong Fu, con l'oasi verde legata alla figura di Lu Liuliang, filosofo e poeta di epoca Ming, e si caratterizza per una economia importante in diversi settori, tra i quali l’industria delle pelli, e le nuove tecnologie. Il governo locale è al momento molto impegnato nella ristrutturazione del “centro storico”, nella creazione di nuovi distretti, tra i quali uno turistico.
Di qui l’interesse del network Chinese Friendly Italy, che, dopo una visita a Tongxiang nello scorso mese di maggio, ha ospitato in Italia, in particolare in Puglia, una delegazione della città di Tongxiang. Tra gli incontri effettuati, un appuntamento a Bari con Holly Tour, Tour Operator che si sta specializzando anche nell’incoming dalla Cina, e con il Comune di Fasano.
L’occasione della International Economic and Trade Fair di Tongxiang è dunque un appuntamento strategico per l’avvio di una piattaforma di scambi economici e di know how.

nell'immagine in alto un incontro con imprenditori di Tongxiang nel mese di maggio 2017




domenica 10 settembre 2017

6 milioni i cinesi all'estero il 1 ottobre 2017


Qualche dato sul turismo cinese
A consuntivo dell’estate 2017 il dato che circola in Italia è che il turismo cinese è in crescita del 15%
http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1504893772944_DG-Turismo_stagione-2017.pdf
In grande spolvero in Europa la Croazia (che stima un incremento di arrivi dalla Cina del 300%, che beneficia in particolare del successo della serie tv Game Of Thrones).
Da notare il crollo degli arrivi cinesi nella Corea del Sud (-69%).
Il prossimo 1 ottobre in Cina è la festa nazionale e per la Golden Week sono previste partenze all’estero di 6 milioni di cinesi.
Tutti buoni motivi per investire sul mercato turistico cinese e farvi rappresentare al workshop di Shanghai del 19 ottobre prossimo 


venerdì 8 settembre 2017

5 motivi per essere rappresentati al workshop di Shanghai



Non potete venire a Shanghai? Nessun problema, possiamo rappresentare la vostra offerta negli incontri con gli operatori turistici cinesi (buyers) in occasione del workshop!

Cinque motivi per essere rappresentati al 2° workshop Chinese Friendly Italy, Shanghai 19 ottobre 2017
  1. E’ il più importante ws dedicato all’offerta italiana in programma in Cina, nei prossimi mesi
  2. E’ l’unico rivolto agli operatori cinesi taylor made e di nicchia, interessati al nostro Paese
  3. Chinese Friendly Italy ha ideato un sistema di rappresentanza efficace e poco oneroso
  4. Tutti i sellers italiani che partecipano all’evento non vanno in Cina per farsi concorrenza, ma per fare rete
  5. Al workshop partecipano anche le OTA






mercoledì 6 settembre 2017

Workshop Chinese Friendly Italy: Shanghai 19 ottobre


Come sapete il 19 ottobre organizziamo a Shanghai il 2° workshop "Chinese Friendly Italy". Desiderio ringraziare in primis l'ATL Alexala – che ha creduto in questo progetto del quale è partner istituzionale, e che sarà ospite d’onore all’incontro. Ringrazio anche le tante imprese italiane che saranno presenti: i Tour Operator (Alidays, Holly Tour, Caldana, Ignas Tour, A&C Enterprise-Sposa Mediteranea, PA Wedding Experience…), gli hotel (di Mantova, Venezia, Ravello, Amalfi, Paulilatino ed Alessandria), gli alberghi diffusi di diverse regioni italiane, il Consorzio Amalfi di Qualità, i parchi tematici (Zoomarine di Roma, e Aqualandia di Jesolo). Parteciperanno al ws anche altri fornitori di servizi, come il fotografo Andrea Gallucci, che avrò il piacere di presentare agli oltre 70 Tour Operator cinesi di nicchia e OTA specializzate nel turismo outbound che verranno all’incontro. Ringrazio gli amici e i partner cinesi che in questi giorni stanno preparando l’incontro nel migliore dei modi. 
Personalmente rappresenterò tutti gli aderenti al network Chinese Friendly Italy, ed in particolare quelli che non hanno potuto decidere di partecipare direttamente: le loro proposte e i loro materiali saranno consegnati a tutti gli operatori partecipanti all’incontro.
Un ringraziamento infine anche al museo del Divisionismo di Tortona, anch’esso presente. Il turismo culturale cinese all’estero è in grande crescita e sono certo che le proposte culturali del nostro Paese potranno avere risultati significativi, se sapranno muoversi con la lungimiranza del relativamente piccolo museo di Tortona.

Altre info qui