martedì 28 novembre 2017

Viaggio in Occidente. il turismo di gruppo in Europa



"Prima di venire in Europa pensavo che qui si guadagnasse di più che in Cina, invece vedo che si guadagna di meno e la vita costa di più, in compenso invidio il loro stile di vita, il loro ritmo e il loro modo di vivere, e anche se guadagnano di meno, hanno più tempo per distrarsi e divertirsi...
Pensavo che l’Europa fosse più moderna..."

Un bel trailer raccoglie le impressioni dei turisti cinesi “di gruppo” che vengono in Europa. Da vedere!

mercoledì 22 novembre 2017

Un Grand Tour sulle orme di Xu Zhimo



In Gran Bretagna da tempo si promuovono viaggi e tour ispirati a Xu Zhimo (1896-1931), poeta cinese, fondatore nel 1928 della Società della Luna Crescente, e animatore della rivista di poesia “Aurora”, nonché idolo dei giovani cinesi, che negli anni ’20 si aprivano alla cultura occidentale.
Ma un itinerario sule orme di Xu Zhimo potrebbe essere promosso anche in Italia, e potrebbe iniziare con una visita a Venezia, città alla quale dedicò dei versi bellilssimi, studiati ancora oggi in tutte le scuole cinesi, e potrebbe proseguire verso Gardone Riviera dove si trova il Vittoriale, meta legata come è noto a Gabriele D’Annunzio, che il poeta cinese amò, tradusse e al quale si ispirò, scrivendo tra l’altro la prima tragedia in prosa della letteratura cinese. 
Giuliano Bertuccioli, uno dei maggiori sinologi italiani, puntualizza a questo proposito che Xu Zhimo fu l’autore di un “drammone” ispirato alla tragedia “La città morta” di D’Annunzio.
Il viaggio potrebbe poi proseguire verso Ravenna città dove Xu si recò nel 1925 per rendere omaggio alla tomba di Dante (nei suoi versi i riferimenti a Beatrice sono diversi), e poi a Firenze città cui Xu Zhimo dedica quella che fu forse la sua più celebre poesia “Una notte a Firenze”. 
Ultima tappa, infine, Pescara, città natale di Gabriele D’Annunzio.

C’è qualche Ente che vuole raccogliere questo appello?

Breve Bio
Nato nella provincia dello Zhejiang ed educato secondo i canoni confuciani, a soli 14 anni Xu Zhimo si trasferì a Hangzhou e poi completò gli studi a Pechino prima di trasferirsi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, a Cambridge. Nel 1922 tornò in Cina, fondò una rivista letteraria che ha lasciato il segno nella cultura cinese del secolo scorso. Ebbe il tempo di venire in Italia, prima di morire, giovanissimo, in un incidente aereo nel 1931.