venerdì 4 agosto 2017

Turismo cinese all'estero: +5% nel 2017


Lo sviluppo del turismo cinese continua imperterrito, anche se il ritmo di incremento si sta assestando su valori più contenuti.
Nella prima metà di questo 2017 il numero dei viaggi all’estero dei cinesi è stato pari a 62 milioni, un incremento del 5% rispetto ai 59 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.
In più si registra una crescita del numero dei cinesi che hanno il passaporto (un numero che storicamente è stato attorno al 5%) e quindi in grado di andare in vacanza all’estero. Parallelamente è aumentato il numero delle destinazioni turistiche autorizzate (ADS), quelle cioè che i cinesi possono scegliere per andarci in vacanza, che è ora pari a 153. Dunque aumenta anche la concorrenza, soprattutto se si considera che molti nostri concorrenti esentano i cinesi dal dover richiedere il visto turistico (riforma che le nostre Istituzioni non prendono neppure in esame).
Il report realizzato per conto di Ctrip mostra che il 42% dei turisti cinesi che va all’estero sceglie la vacanza organizzata e il 58% quella individuale. In genere il “pacchetto” è preferito e acquistato da chi vive in città di seconda e terza fascia, mentre chi vive a Shanghai o Pechino o nelle altre città di prima fascia, è più portato ad acquistare vacanze ”indipendenti”.
Per Ctrip l’Italia è la prima meta tra quelle scelte in Europa.
Segnalo che aumentano anche gli investimenti in Europa dei T.O. cinesi, e anche per l’Italia sono previste grosse novità dopo l’estate.
Continuate a seguirmi su questo Blog, e se siete interessati al turismo cinese vi segnalo un workshop da non perdere www.chinaday.it  (iscrivetevi subito!)
Qui trovate i servizi che possiamo darvi in Cina http://turismocinese.blogspot.it/p/i-miei-servizi.html


Nessun commento:

Posta un commento